ieri

Domenica 27 Settembre 2020

Prevenzione ictale in pazienti con fibrillazione atriale, quale scelta tra rivaroxaban e warfarin? La risposta

Dopo la diagnosi iniziale di fibrillazione atriale non valvolare (FANV), i pazienti trattati con rivaroxaban rispetto a warfarin hanno mostrato una significativa riduzione del rischio di ictus, soprattutto grave, e mortalità per tutte le cause dopo u[...]

Evolocumab, in pazienti trattati con statine, limita la progressione dello spessore intima-media carotideo

Evolocumab -  anticorpo monoclonale completamente umano mirato alla proproteina convertasi subtilisina/kexina di tipo 9 (PCSK9) – non solo esercita una potente riduzione del colesterolo-LDL sierico, ma attenua anche la progressione dello spessore int[...]

Tumore dell'esofago avanzato, pembrolizumab in prima linea associato alla chemio riduce il rischio di morte del 27% 

L'immunoterapia in combinazione con la chemioterapia è efficace nel trattamento in prima linea dei pazienti con tumore dell'esofago e della giunzione gastroesofagea. Lo dimostrano i dati, presentati per la prima volta al Congresso della Società Europ[...]

5 nuovi farmaci in commercio

Nuove specialità medicinali: Fluarix Tetra, Gilenya, Influvac S Tetra. 1 nuovo farmaco equivalente

Neutropenia febbrile in pazienti trattati con chemioterapia citotossica: la terapia con pegfilgrastim diventa più patient friendly

E' disponibile in Italia una nuova formulazione di pegfilgrastim per il trattamento dei pazienti che ricevono chemioterapia citotossica. Si tratta del primo iniettore pre-riempito di pegfilgrastim, reso disponibile dall'azienda farmaceutica Accord He[...]

Leucemia linfoblastica acuta, in Italia via libera a  blinatumomab anche nei pazienti pediatrici refrattari

Da oggi, i pazienti italiani con Leucemia Linfoblastica Acuta (LLA) da precursori delle cellule B, forma aggressiva di Leucemia che colpisce bambini e adulti, hanno nuove opportunità per beneficiare di periodi sempre più lunghi liberi da malattia, fi[...]

4 farmaci revocati

Prasugrel senza aspirina dopo stenting coronarico? Benefici al vaglio in pazienti a basso rischio

Pubblicato su “JACC: Cardiovascular Interventions”, un piccolo studio pilota che ha testato prasugrel senza aspirina dopo intervento coronarico percutaneo (PCI) in pazienti a basso rischio con malattia coronarica stabile suggerisce che la monoterapia[...]

Nevralgia del pudendo, quali terapie abbiamo a disposizione?

È un dolore che insorge all'improvviso, che non sempre viene diagnosticato prontamente e spesso è trattato in modo improprio. Parliamo della nevralgia del pudendo causata da intrappolamento del nervo omonimo (PNE). Uno speciale di Aggiornamenti Clini[...]

Talassemia trasfusione-dipendente, i pazienti italiani trattati con la terapia genica mantengono l'indipendenza dalle trasfusioni

In occasione dell'edizione virtuale del XI congresso nazionale della SITE, sono stati presentati i dati del sottogruppo di dieci pazienti italiani partecipanti allo studio di Fase 3 attualmente in corso con betibeglogene autotemcel (beti-cel), la ter[...]

Dopo intervento coronarico percutaneo se il controllo della colesterolemia è scarso gli esiti sono peggiori

Dopo intervento coronarico percutaneo (PCI), solo circa la metà dei pazienti ha misurato il colesterolo LDL e, di quelli che lo fanno, meno del 60% ha livelli inferiori a 70 mg/dL, secondo uno studio – pubblicato sul “Journal of American College of C[...]

Malattia polmonare da micobatteri non tubercolari, per conoscerla meglio proseguono gli incontro del progetto NTM-DARE

Dopo l'emergenza sanitaria causata dall'epidemia di Covid-19, riprende la formazione medica con una rinnovata attenzione alle malattie croniche e rare, trascurate nel picco di emergenza, come la malattia polmonare da micobatteri non tubercolari (NTM-[...]